Il metodo scientifico contro la moderna presunzione del “secondo me…”

La scienza e la sua conoscenza si basano sul metodo scientifico. Ma che cos’è il metodo scientifico?

Il metodo scientifico è la modalità tipica con cui la scienza procede per raggiungere una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile.

Esso consiste, da una parte, nella raccolta dei dati empirici sotto la guida delle ipotesi e teorie da vagliare; dall’altra, nell’analisi rigorosa, logico-razionale e, dove possibile, matematica di questi dati, associando cioè, come enunciato per la prima volta da Galilei, le “sensate esperienze” alle “dimostrazioni necessarie”, ossia la sperimentazione alla matematica.

Il metodo scientifico comprende due metodi:

Metodo Induttivo (descrive il percorso seguito per arrivare alla stesura di una legge scientifica a partire dall’osservazione di un fenomeno)

Segue rigorosamente ed in maniera ciclica i seguenti passi:

  1. Osservazione (è il punto di partenza e di arrivo del ciclo di acquisizione della conoscenza. Durante questo passo si identificano le caratteristiche del fenomeno osservato ovvero si effettuano le misurazioni adeguate, con metodi esattamente riproducibili)
  2. Esperimento (l’osservatore perturba il sistema ed osserva e registra le risposte alle perturbazioni)
  3. Correlazione fra le misure (si cerca una legge matematica che riesca a correlare i dati misurati sul fenomeno)
  4. Definizione di un modello fisico (si costruisce un modello fisico utilizzando elementi di cui si conosce il funzionamento e che si suppone possano rappresentare il comportamento complessivo del fenomeno studiato)
  5. Elaborazione di un modello matematico (costituisce il livello massimo di astrazione nel ciclo conoscitivo. E’ costituito da più elementi concatenati tra loro che portano normalmente ad una equazione parametrica. Il modello così costruito deve poi essere validato con una fase di verifica che include un numero adeguato di dati sperimentali)
  6. Formalizzazione della teoria (viene approntata la teoria che comprenda il fenomeno osservato. Lo studio sistematico della teoria può mettere in luce nuove possibili osservazioni e predire il risultato delle corrispondenti misure. Se il risultato è positivo, la teoria risulta confermata, se negativo occorre avviare un nuovo ciclo induttivo)

Metodo Deduttivo (si basa sul fatto che la teoria si costruisce all’inizio, non alla fine)

Le regole che si seguono nel caso del metodo deduttivo, per far sì che le osservazioni scientifiche abbiano carattere di oggettività, sono le seguenti:

  1. Formulare una ipotesi
  2. Esprimerla in modo da prevedere alcune conseguenze o eventi, deducibili dall’ipotesi iniziale
  3. Osservare se si produce l’evento previsto
  4. Se l’evento si produce, la teoria non è confermata, semplicemente non è stata smentita e la si può accettare solo provvisoriamente.

Pertando non esiste, nè può e nè deve essere ascoltato un “secondo me…” privato del procedimento previsto dal metodo scientifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *